Welcome to the Italian Society of Pharmacology

SOCIETA' ITALIANA DI FARMACOLOGIA
CONVEGNI MONOTEMATICI SIF

CONVEGNO MONOTEMATICO
 “La farmacologia clinica tra impegno nella ricerca e
ruolo nel Servizio Sanitario Nazionale”

Napoli, 2-3 ottobre 2014


Programma Finale (PDF)


SEDE DEL CONVEGNO
Sale conferenze della Scuola di area Medica, Via Costantinopoli 104.

Esposizione dei poster ingresso da S. Andrea delle Dame, via De Crecchio 7, Napoli.

Il convegno monotematico del 2-3 ottobre che si terrà a Napoli dal titolo “La farmacologia clinica tra impegno nella ricerca e ruolo nel Servizio Sanitario Nazionale”, inizierà il 2 pomeriggio alle ore 14,30 e terminerà il 3 ottobre alle ore 18,00. Vi saranno 4 letture magistrali tenute dai Proff. Carlo Patrono, Emilio Perucca, Roberto Raschetti, Miriam Sturkenboom e comunicazioni orali e poster.

Il convengo monotematico si propone di discutere lo stato dell’arte della Ricerca Clinica nel nostro Paese nonché il ruolo della farmacologia clinica nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale. Altre tematiche affrontate riguarderanno argomenti di farmacocinetica, tollerabilità e farmacogenetica con l’obiettivo di migliore l’appropriatezza prescrittiva tramite una stretta collaborazione tra clinici e farmacologi.

Infatti, accanto ai nuovi farmaci sempre più difficili da utilizzare compaiono pazienti altrettanto complessi da trattare. L’incremento dell’età media della popolazione con il conseguente aumento delle co-morbidità e la condizione di trattamenti farmacologici multipli con un conseguente aumento delle interazioni farmacologiche pongono sfide importanti al corretto uso dei farmaci. Ne deriva che la gestione delle terapie mediche sarà sempre più complessa, rischiosa e gravata da costi diretti ed indiretti maggiori, influenzati dalle reazioni avverse. Un valido aiuto a migliorare l’appropriatezza terapeutica e la gestione delle terapie può essere fornito da tests farmacocinetici e farmacogenetici. Di importanza cruciale sarà, pertanto, la presenza di farmacologi clinici in possesso delle competenze necessarie per la valutazione clinica dell’effetto dei farmaci nell’uomo e per fornire un supporto per impostare su basi razionali (farmacodinamica, farmacocinetica e farmacogenetica) le terapie farmacologiche. Il farmacologo clinico sarà anche uno strumento essenziale per lo sviluppo dei protocolli avanzati di ricerca clinica farmacologica, un aspetto su cui il nostro paese è carente e che può invece essere volano importante per lo sviluppo della ricerca biomedica.